Bastava ricevere e aprire un’immagine tramite le versioni web di WhatsApp o Telegram, per esporsi all’attacco di un hacker o di un criminale informatico. Ma i due servizi sono già corsi ...